Dieta mima digiuno : la cura per le malattie

A cura della dottoressa Serena de Mattia

#farmaciapassero #nutrizione #longo #dietamimadigiuno

“Dottoressa, ho sentito in televisione che per dimagrire bisogna stare a digiuno”

Così esordiva qualche giorno fa una simpaticissima paziente sempre molto attenta alle mode del momento in ambito dietetico che evidentemente aveva mal interpretato un concetto molto discusso.

Ne hai sentito parlare?

A tutti è noto che il digiuno protratto crea i presupposti per un rallentamento del metabolismo oltre che un danno fisiologico per carenza di carburante essenziale alla vita nonché dei componenti fondamentali per far funzionare tutti gli ingranaggi del nostro corpo.

Come dico sempre, il dimagrimento è come lo sviluppo, deve essere sostenibile e non arrecare danno.

Perciò, se anche tu hai mal interpretato il concetto e stai passando le ore piangendo e guardando il Tuo frigorifero, sappi che Ti stai soltanto facendo del male!

Lavoro a contatto con molti pazienti e sempre più vedo un incremento di patologie cardiovascolari, legate soprattutto all’obesità, nonché patologie come tumori e malattie neurodegenerative che colpiscono purtroppo anche i giovani.

Tempo fa mentre guardavo il noto programma “le iene” vidi un’intervista del prof. Valter Longo sulla sua ultima sorprendente scoperta. Quella da Lui stesso definita come “Dieta Mima Digiuno”. Evidenze scientifiche confermano che tale approccio è utilissimo per la prevenzione ma porterebbe addirittura alla regressione di alcune patologie.

Per chi non lo conoscesse, Il professor Valter Longo, ricercatore di fama internazionale, è direttore del dipartimento di gerontologia dell’Università della California. Un’altra intelligenza italiana che ha trovato negli USA terreno fertile per esprimere le Sue competenze. Ora è ritornato in Italia.

Ma vediamo di cosa si tratta. In questo modo rispondo alla simpatica amica.

Ovviamente non si tratta di fare la fame per settimane intere…No, nulla di tutto ciò!

download (4)
USC Longevity Institute

La “Dieta Mima Digiuno” è il frutto di una lunga ed accurata ricerca di base e clinica condotta presso il USC Longevity Institute diretto appunto dal Professor Valter Longo. Il USC Longevity Institute si affida alla ricerca interdisciplinare per promuovere la longevità. Dunque hai capito bene! Non si tratta della solita dieta di una settimana per togliere milligrammi di pancetta prima della fatidica prova costume…(che puntualmente non perderai o rimetterai al primo giorno di mare).

La chiave di lettura di questo approccio é un obiettivo di lungo termine : Aumentare la Longevità .

Nessuna teoria spaziale della Nasa, nessun alieno rapito e tenuto nascosto nell’ Area 51!

Siamo di fronte ad un concetto a dir poco rivoluzionario!

Da appassionata di nutrizione e biochimica degli alimenti, non ho potuto fare a meno di provare su me stessa il metodo…Dunque Ti racconto come è andata. Aspetta, però, fatti dire solo alcune cose.

Questo schema nutrizionale, da rispettare per pochi giorni all’anno, potrebbe garantire un qualche beneficio in termini di aumento dell’aspettativa di vita e miglioramento dello stato di salute generale. Questa dieta dovrebbe essere fatta una volta ogni tre mesi in individui sani e una volta al mese in individui malati.

Consiste nell’apportare delle calorie giornaliere con soli alimenti sani e naturali per cinque giorni senza che il corpo riconosca che ci si sta nutrendo.

Cosa vuol dire?

Ti faccio qualche esempio. La dieta mima digiuno dura 5 giorni, nei quali l’introito energetico scende progressivamente dal giorno 1 (1.000kcal) al giorno 5.

Pazzesco, non trovi?Ma vediamo più in dettaglio…

Gli alimenti sono esclusivamente di origine vegetale e apportano principalmente carboidrati e pochi grassi di tipo insaturo.

Lo schema calorico prevede che il primo giorno si assumano circa 1000 kcal divise tra 34% di carboidrati, 56% di grassi e 10% di proteine.
Nei 4 giorni successivi si scende a 750 kcal, divise tra 47% di carboidrati, 44% di grassi e 9% di proteine. 750!!! Ti assicuro che si può fare…

La regola di base prevede in ogni caso la sostituzione delle proteine animali con quelle vegetali, in quanto queste attiverebbero i geni promotori della crescita, dell’invecchiamento e talvolta della degenerazione (fino al cancro). Solo le le proteine del pesce non sembrano essere altrettanto nocive. Statisticamente il consumo del pesce non è frequentemente associato all’insorgenza di patologie croniche e tumori.

Sembrerebbe che il corpo, digiunando, anzichè indebolirsi, diventi più forte, eliminando le principali fonti di malattie.

Dagli studi si evidenzia effetto positivo sulla prevenzione dell’invecchiamento cellulare nonché benefici in termini di promozione del ringiovanimento cellulare.

Cosa ancora più importante si ha la sostituzione delle cellule danneggiate. Pensiamo ai tumori, alle malattie neurodegenerative, ecc. Nel suo studio, il professor Longo, ha compreso che questo piano nutrizionale può far trarre vantaggio a diversi sistemi e tessuti: muscolare, immunitario, epatico, nervoso, ecc…

Per esempio i principali benefici, tanto per citarne alcuni, sono stati visti sul trattamento della sclerosi multipla. In uno studio effettuato sui topi, ogni ciclo di dieta mima digiuno è stato in grado di distruggere una componente autoimmune nociva, sostituendola con una fisiologica. Sul 50% dei topi si è osservata una forte diminuzione dei sintomi associati alla sclerosi multipla e nel 20% una regressione completa di questi sintomi.
Inoltre, in uno studio su 19 umani sono stati riscontrati una sensibile diminuzione di fattori di rischio cardiovascolari, per il diabete mellito di tipo 2, per l’invecchiamento, per il cancro; nei topi invece addirittura la dieta è stata responsabile della diminuzione dei tumori del 50%, dimezzamento dei fattori di infiammazione, miglioramento di funzioni cognitive.

Guarda Tu stesso

Visto?

Anche per i malati di cancro che seguono dei cicli di chemioterapia si osserva come un breve digiuno (FATTO TASSATIVAMENTE SECONDO LO SCHEMA DI CUI TI HO PARLATO) sembri contrastare l’aumento dello zucchero nel sangue causato dai farmaci utilizzati per il trattamento del cancro proteggendo le cellule sane nei topi e rendendole meno vulnerabili durante la chemioterapia. Si osserva, inoltre, una riduzione degli effetti collaterali della chemioterapia; ma l’aspetto più importante è che il digiuno spinge a rafforzare le cellule sane e portare all’apoptosi delle cellule malate. L’apoptosi è un sistema di difesa dell’organismo che uccide le sue stesse cellule che non sono più compatibili con la vita così da non trasmetterne le anomalie alle altre.

Ovviamente è sempre una dieta da seguire sotto stretto controllo di uno specialista in quanto non tutti sono in grado di tollerarla e per di più è assolutamente sconsigliata ai diabetici insulino-dipendenti, ai bambini, a chi soffre di anoressia o a chi è in sottopeso.

Prima di iniziare bisogna valutare alcuni paramentri quali indice di massa corporea, pressione sanguigna, glicemia, siredemia, ematocrito, ecc…

In commercio esitono dei kit creati da alcune aziende in collaborazione con il dott. Longo ed acquistabili in farmacia, utilissimi nel guidare il paziente verso questo approccio senza dover incorrere nel rischio di sbagliare.

Ah, giusto, dovevo dirti come è andata la mia prova.

Beh io ho deciso di provarla in fondo sono solo 5 giorni di sacrificio fatti periodicamente. Ma il mio corpo può trarne un gran vantaggio di puro benessere.

Risultato?

Il mio trattamento è tuttora in corso, anche perché si avvicina l’estate e anche io ho i miei obiettivi di forma. Posso già dirTi che ho un netto miglioramento in :

Vitalità ed energia, Sonno, Digestione, Gonfiore delle gambe e cellulite, Capacità di apprendimento, forte riduzione dei problemi legati al ciclo, Massa magra che prende prepotentemente il posto della massa grassa….Pelle incredibilmente morbida ed elastica…

Insomma, dopo soli sei mesi, mi sento una persona diversa e soprattutto…Più Felice!

Se hai bisogno di approfondire questo concetto, se hai a casa qualche caro cui possa giovare il metodo, non esitare a contattarmi!

Alla prossima!

Per scrivere questi articoli, oltre alla formazione costante cui ci dedichiamo, ci impegniamo ad effettuare ricerche sui più autorevoli testi universitari, nonché sulle più recenti pubblicazioni scientifiche, semplificandone contenuti e linguaggio per offrirVi un’esperienza di lettura basata su informazione vera ed aspetti pratici.

Se questo articolo Ti è piaciuto, o se lo hai ritenuto utile, condividilo con i Tuoi amici!

About me…

Dr.ssa Serena de Mattia.

Farmacista appassionata di alimentazione, prevenzione e sport. Seguo i pazienti in specifici percorsi di salute e benessere e nel tempo libero mi dedico ad un’intensa attività sportiva. Sono corresponsabile dei laboratori della farmacia in cui lavoro e specializzata in galenica con un Master in Galenica Clinica. Amo gli animali!! Attualmente studio per la seconda Laurea in Scienze della Nutrizione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...